📞 Sei un'azienda? Contattaci allo 099 955 21 79 per un preventivo su misura!
0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Covema tonachino s.912 acrilsilossanico 1.2 kg25 bianco

41,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello

Spese di spedizione: gratis
Consegna prevista entro Mercoledì 25/11

Covema

EAN 8013897005845
MPN Non applicabile


s.23912 - Tonachino Acrilsilanico 1.2 mm 
DESCRIZIONE
Rivestimento ad alto potere riempitivo per esterno ed interno a base di resine acriliche con modifica silanica, inerti a granulometria differenziata e speciali riempitivi di natura lamellare che conferiscono al prodotto particolari caratteristiche estetiche morbide e naturali del tutto simili ad un intonaco minerale tradizionale. Le proprieta` di idrorepellenza e traspirabilita` conferiscono alle superfici trattate eccellenti caratteristiche di resistenza alle intemperie ed agli aggressivi chim
CARATTERISTICHE PRINCIPALI
- Alto potere riempitivo e mascherantedelle irregolarita` delle superfici
- Aspetto opaco minerale
- Alta permeabilita` al vapore acqueo
- Ottima resistenza alle intemperie
- Ottima resistenza meccanica
- Ottima adesione ai supporti
- Spugnabile per ottenere effetti mossi
- Non favorisce la proliferazione di funghi e muffe
- Granulometria 1,2 mm
Applicazione Interno ed Esterno 
Peso Specifico 1.820 g/L 
Colori Tintometria 
Confezioni 25 Kg 
Resa 2,0 - 2,2 Kg/mq per mano 
Diluizione Pronta all`uso (p/p) 
Essicazione 2 ore al tatto 
Temperatura Min 5C; Max 35C 
Sovraverniciatura Minimo 24 ore 
1) GENERALITA' E INDICAZIONI DI IMPIEGO Rivestimento ad alto potere riempitivo per esterno ed interno a base di resine acriliche con modifica silanica, inerti a granulometria differenziata e speciali riempitivi di natura lamellare che conferiscono al prodotto particolari caratteristiche estetiche morbide e naturali del tutto simili ad un intonaco minerale tradizionale a finitura compatta e chiusa. Le proprietà di idrorepellenza e traspirabilità della molecola silanica conferiscono alle superfici trattate eccellenti caratteristiche di resistenza alle intemperie ed agli aggressivi chimici. Tonachino Acrilsilanico s.912 è indicato per applicazioni sia su edifici storici precedentemente pitturati con finiture a calce o silicati purchè adeguatamente preparati e fissati, sia su supporti più moderni quali intonaci a base cementizia, intonaci premiscelati, cemento armato a vista dove si richiedano finiture di particolare pregio e protezione. Tonachino Acrilsilanico s.912 può essere applicato anche su superfici già trattate con pitture sintetiche purché in buono stato seguendo scrupolosamente il ciclo consigliato. Grazie alla versatilità applicativa di questa finitura, alla sua particolare granulometria, opacità e morbidezza, il Tonachino Acrilsilanico s.912 lavorato con frattazzo in spugna permette di ottenere effetti morbidi e antichizzati di volta in volta rispondenti alle esigenze del contesto nel quale si interviene. Applicando poi sul Tonachino Acrilsilanico s.912 la specifica Velatura Silossanica s.266 opportunamente calibrata, si ottengono i tipici effetti anticati delle facciate trattate a calce e terre naturali. Nel caso di strutture moderne come, ad esempio, pannelli prefabbricati in fibrocemento, l’uso del Tonachino Acrilsilanico s.912 permette di trasferire alle superfici trattate tutte le eccellenti doti di resistenza alle intemperie ed agli aggressivi chimici proprie dei silani unitamente ad un effetto estetico altamente decorativo. 2) CARATTERISTICHE e CLASSIFICAZIONE (UNI EN 1062-1) Peso Specifico (UNI 8910) 1820 g/litro ± 30 g/litro Residuo Secco in massa (p/p) 77%± 2% Residuo Secco in volume (v/v) 58% ± 2% PH al confezionamento 9,5 ± 1 Viscosità cinematica a 25 °C (gir. 7 a V = 20) 58000 cps ± 3000 cps Classificazione per tipo chimico e stata del legante (UNI EN 1062-1 :4.2 e 4.3 ) Resina acrilica con modifica silanica in dispersione acquosa Classificazione per impiego finale (UNI EN 1062-14:1) Decorazione Protezione Aspetto del Film (EN ISO 2813) Opaco Granulometria (EN 21524 UNI 1062-1) Grossolano ( 1,2 mm ) Resa Consigliata 2,0 – 2,2 kg. /mq. Per strato Colori Base neutra 3) CARATTERISTICHE APPLICATIVE 3.1 Condizioni dell'ambiente e del supporto Temperatura dell'ambiente e del supporto: minima 5 °C massima 35 °C Umidità relativa dell'ambiente: massima 65% Umidità relativa del supporto WME massimo 20% N.B.: il prodotto risulta molto sensibile al vento che ne accelera l’essiccazione causando problematiche sulle tempistiche di lavorazione. Avvertenze: consigliamo di applicare il prodotto in condizioni ambientali come sopra indicato. Condizioni climatiche diverse influenzerebbero in maniera negativa i corretti tempi di essiccazione compromettendo l’ottimale raggiungimento delle caratteristiche prestazionali e estetiche. 3.2 Essiccazione o indurimento a 23 °C e 65% di umidità relativa. Tempo di essiccamento superficiale o al tatto 2 ore Tempo di sovrapplicabilità: 24 ore Attenzione: il prodotto, correttamente applicato, raggiunge le caratteristiche prestazionali e tecniche ottimali nell’arco di dieci giorni. Se durante questo lasso di tempo il prodotto dovesse subire eventi meteorici come la pioggia battente, si potrebbero formare antiestetiche rigature e colature di aspetto lucido e tendenzialmente appiccicoso. Tali fenomeni sono temporanei e non influenzano in alcun modo le caratteristiche prestazionali del prodotto, possono inoltre essere facilmente rimosse per mezzo di idrolavaggio o semplicemente dalle piogge successive. 4) CICLI DI APPLICAZIONE CONSIGLIATI 4.1 Preparazione su MURATURE NUOVE Gli intonaci dovranno essere maturi ed asciutti, puliti, privi di polvere e di parti scarsamente coerenti. Preferibilmente far carbonatare l'intonaco fresco o i rappezzi attendendo almeno quattro settimane prima di applicare il ciclo verniciante. Applicare una prima mano di Fondo uniformante fibrato s.177 diluito sino al 20% in peso con acqua. 4.2 Preparazione su MURATURE VECCHIE Superfici vecchie con pitture organiche o minerali bene ancorate saranno pulite depolverate ed correttamente fissate. Superfici con pitture non adeguatamente ancorate saranno sverniciate eseguendo poi un’accurata pulizia dei supporti che dovranno risultare esenti da polveri o parti scarsamente coerenti. I rappezzi e le eventuali stuccature dovranno essere asciutte al fine di impedire reazioni alcaline con visibili sbiancamenti sulle finiture. Eventuali formazioni di muffe andranno neutralizzate e rimosse. Applicare come fondo una prima mano di Fissativo isolante consolidante s.813 50% con acqua. Seguirà l’applicazione di una mano con Fondo uniformante fibrato s.177 diluito sino al 20% in peso con acqua o Fondo uniformante fibrato s.277 diluito sino al 10% in peso con acqua. Applicare la finitura dopo completo essiccamento dei fondi. Nel caso di vecchi supporti che presentano finiture bene ancorate, non sfarinanti e non assorbenti si potrà applicare direttamente come fondo una mano di Fondo Uniformante Fibrato s.177 diluito sino al 20% in peso con acqua o Fondo uniformante fibrato s.277 diluito sino al 10% in peso con acqua. Applicare la finitura dopo completo essiccamento dei fondi. N.B. L’utilizzo del Fondo uniformante fibrato s.177 o Fondo uniformante fibrato s.277 contribuisce notevolmente a facilitare e velocizzare la posa del Tonachino Acrilsilanico s.912. 4.3 Finiture Completata la preparazione del fondo applicare una mano di Farina di quarzo acrilsilanica s.278 di colore uguale alla finitura al fine di uniformare la coloritura del fondo. Ad essiccazione RIV912 - rev. 2.0 del 16/03/2015 avvenuta applicare una mano di il Tonachino Acrilsilanico s.912 tal quale utilizzando un frattazzo inox e lisciando il più possibile il prodotto. Finitura Invecchiata: Dopo aver lasciato appassire leggermente il prodotto, lisciare al meglio la superficie utilizzando un frattazzo in spugna sintetica. Finitura Compatta: Lisciare il prodotto in fase di appassimento con frattazzo in plastica. Finitura Strappata: Sul prodotto ancora fresco utilizzare un frattazzo in spugna sintetica per ottenere una finitura strappata ed irregolare. Le particolari irregolarità delle superfici, ottenute volutamente dal tipo di lavorazione adottata, rappresentano il pregio estetico di questo tipo di finitura permettendo nel contempo di ammorbidire le differenze di planarità dei supporti. Per casistiche o situazioni particolari consultare il nostro servizio di Assistenza Tecnica. Sulla base delle nostre esperienze di cantiere, consigliamo, per una corretta e facile stesura del prodotto di lavorare in coppia con il primo operatore che stende il prodotto ed il secondo che provvede a lavorare la superficie in funzione della finitura scelta. Nel caso di superfici estese, fermarsi per gli intervalli in presenza di angoli o marcapiani. Proteggere i supporti dal sole e dalla pioggia sino alla completa essiccazione. 5) INDICAZIONI PER L'IMMAGAZZINAMENTO Temperature di conservazione: min. 5°C max. 40 °C Tipi di confezioni disponibili: Kg 25 e Kg 2.5. Il prodotto va conservato nel contenitore originale, ben chiuso, non esposto direttamente ai raggi solari o fonti di calore e va utilizzato al massimo entro 5 gg dal primo utilizzo. 6) VOCI DA INSERIRE NEI CAPITOLATI D'APPALTO Rivestimento a spessore organico minerale di granulometria max: 1,2 mm (EN 21524) a base di copolimeri silicei (Silanici) colorato in pasta. Formulato per la Protezione e Decorazione dei manufatti edili storici e moderni (UNI EN 1062-1:4.1). Opaco (ISO 2813), Idrorepellente, caratterizzato da Alta Traspirabilità. Con Basso assorbimento di acqua liquida. Particolarmente consigliato come finitura uniformante su intonaci deumidificanti. Idoneo ad impedire lo sviluppo delle muffe (UNI 9805) e a contrastare la formazione di alghe in superficie. Da utilizzare con i fondi specifici della linea Silanica. 7) INDICAZIONI DI SICUREZZA Vedi etichettatura CEE e scheda di sicurezza aggiornata. Il produttore si riserva di variare le caratteristiche tecniche del prodotto senza preavviso. Richiedere sempre la scheda tecnica aggiornata.
Scheda di Dati di Sicurezza SEZIONE 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Codice: X239120500C Denominazione ACRILSILANICA BASE NEUTRA 1.2 1.2. Pertinenti usi identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Descrizione/Utilizzo Rivestimento murale ad alto spessore. 1.3. Informazioni sul fornitore della scheda di dati di sicurezza Ragione Sociale Covema Vernici S.p.a. Indirizzo Strada della Barra, 5 Località e Stato 10040 Druento (TO) Italia tel. 0119941840 fax 0119941595 e-mail della persona competente, responsabile della scheda dati di sicurezza sicurezza@covemavernici.com Resp. dell'immissione sul mercato: Covema Vernici S.p.a. 1.4. Numero telefonico di emergenza Per informazioni urgenti rivolgersi a Numeri telefonici dei principali Centri Antiveleni italiani (attivi 24/24 ore): Centro Antiveleni di Pavia 0382 24444 (CAV IRCCS Fondazione Maugeri - Pavia); Centro Antiveleni di Milano 02 66101029 (CAV Ospedale Niguarda Ca` Granda - Milano); Centro Antiveleni di Bergamo 800 883300 (CAV Ospedali Riuniti - Bergamo); Centro Antiveleni di Firenze 055 7947819 (CAV - Ospedale Careggi - Firenze); Centro Antiveleni di Roma 06 3054343 (CAV Policlinico Gemelli - Roma); Centro Antiveleni di Roma 06 49978000 (CAV Policlinico Umberto I - Roma); Centro Antiveleni di Roma 06 68593726 (CAV Osp. Pediatrico Bambino Gesù- Roma); Centro Antiveleni di Foggia 0881 732326 (Azienda Ospedaliero Universitaria di Foggia); Centro Antiveleni di Napoli 081 7472870 (CAV Ospedale Cardarelli - Napoli). Per ulteriori informazioni: Covema Vernici SpA 0119941840 dal Lunedì al Venerdì 8:00-12:00 13:00-17:00. SEZIONE 2. Identificazione dei pericoli. 2.1. Classificazione della sostanza o della miscela. Il prodotto non è classificato pericoloso ai sensi delle disposizioni di cui al Regolamento (CE) 1272/2008 (CLP) (e successive modifiche ed adeguamenti). Il prodotto è classificato pericoloso ai sensi delle disposizioni di cui alle Direttive 67/548/CEE e 1999/45/CE (e successive modifiche ed adeguamenti). Il prodotto pertanto richiede una scheda dati di sicurezza conforme alle disposizioni del Regolamento (CE) 1907/2006 e successive modifiche. Eventuali informazioni aggiuntive riguardanti i rischi per la salute e/o l'ambiente sono riportate alle sez. 11 e 12 della presente scheda. Classificazione e indicazioni di pericolo: 2.2. Elementi dell`etichetta. Etichettatura di pericolo ai sensi del Regolamento (CE) 1272/2008 (CLP) e successive modifiche ed adeguamenti. Pittogrammi di pericolo: -- Avvertenze: -- Indicazioni di pericolo: EUH210 Scheda dati di sicurezza disponibile su richiesta. EUH208 Contiene: CMIT/MIT (miscela di 5-cloro-2-metil-2H-isotiazol-3-one e 2-metil-2H-isotiazol-3-one), DCOIT - 4,5-dicloro-2-ottil-2H-isotiazol-3-one, OIT - 2-ottil-2H-isotiazol-3-one Può provocare una reazione allergica. Covema Vernici S.p.a. Revisione n. 1 Data revisione 24/09/2015 ACRILSILANICA BASE NEUTRA 1.2 Stampata il 25/09/2015 Pagina n. 2/10 Consigli di prudenza: -- 2.3. Altri pericoli. In base ai dati disponibili, il prodotto non contiene sostanze PBT o vPvB in percentuale superiore a 0,1%. SEZIONE 3. Composizione/informazioni sugli ingredienti. 3.1. Sostanze. Informazione non pertinente. 3.2. Miscele. Contiene: Identificazione. Conc. %. Classificazione 1272/2008 (CLP). OIT - 2-ottil-2H-isotiazol-3-one CAS. 26530-20-1 0 - 0,05 Acute Tox. 3 H311, Acute Tox. 3 H331, Acute Tox. 4 H302, Skin Corr. 1B H314, Skin Sens. 1 H317, Aquatic Acute 1 H400 M=1, Aquatic Chronic 1 H410 CE. 247-761-7 INDEX. 613-112-00-5 Diuron (ISO) CAS. 330-54-1 0,0025 - 0,025 Carc. 2 H351, Acute Tox. 4 H302, STOT RE 2 H373, Aquatic Acute 1 H400 M=10, Aquatic Chronic 1 H410 CE. 206-354-4 INDEX. 006-015-00-9 DCOIT - 4,5-dicloro-2-ottil-2H-isotiazol-3-one CAS. 64359-81-5 0 - 0,025 Acute Tox. 2 H330, Acute Tox. 4 H302, Acute Tox. 4 H312, Skin Corr. 1C H314, STOT SE 3 H335, Skin Sens. 1 H317, Aquatic Acute 1 H400 M=1 CE. 264-843-8 INDEX. - CMIT/MIT (miscela di 5-cloro-2-metil-2H-isotiazol3-one e 2-metil-2H-isotiazol-3-one) CAS. 55965-84-9 0 - 0,0015 Acute Tox. 3 H301, Acute Tox. 3 H311, Acute Tox. 3 H331, Skin Corr. 1B H314, Skin Sens. 1A H317, Aquatic Acute 1 H400 M=1, Aquatic Chronic 1 H410 CE. 611-341-5 INDEX. 613-167-00-5 Nota: Valore superiore del range escluso. Il testo completo delle indicazioni di pericolo (H) è riportato alla sezione 16 della scheda. SEZIONE 4. Misure di primo soccorso. 4.1. Descrizione delle misure di primo soccorso. OCCHI: Eliminare eventuali lenti a contatto. Lavarsi immediatamente ed abbondantemente con acqua per almeno 30/60 minuti, aprendo bene le palpebre. Consultare subito un medico. PELLE: Togliersi di dosso gli abiti contaminati. Farsi immediatamente la doccia. Consultare subito un medico. INGESTIONE: Far bere acqua nella maggior quantità possibile. Consultare subito un medico. Non indurre il vomito se non espressamente autorizzati dal medico. INALAZIONE: Chiamare subito un medico. Portare il soggetto all'aria aperta, lontano dal luogo dell'incidente. Se la respirazione cessa, praticare la Covema Vernici S.p.a. Revisione n. 1 Data revisione 24/09/2015 ACRILSILANICA BASE NEUTRA 1.2 Stampata il 25/09/2015 Pagina n. 3/10 respirazione artificiale. Adottare precauzioni adeguate per il soccorritore. 4.2. Principali sintomi ed effetti, sia acuti che ritardati. Per sintomi ed effetti dovuti alle sostanze contenute, vedere al cap. 11. 4.3. Indicazione dell`eventuale necessità di consultare immediatamente un medico e trattamenti speciali. Informazioni non disponibili. SEZIONE 5. Misure antincendio. 5.1. Mezzi di estinzione. MEZZI DI ESTINZIONE IDONEI I mezzi di estinzione sono quelli tradizionali: anidride carbonica, schiuma, polvere ed acqua nebulizzata. MEZZI DI ESTINZIONE NON IDONEI Nessuno in particolare. 5.2. Pericoli speciali derivanti dalla sostanza o dalla miscela. PERICOLI DOVUTI ALL'ESPOSIZIONE IN CASO DI INCENDIO Evitare di respirare i prodotti di combustione. 5.3. Raccomandazioni per gli addetti all`estinzione degli incendi. INFORMAZIONI GENERALI Raffreddare con getti d'acqua i contenitori per evitare la decomposizione del prodotto e lo sviluppo di sostanze potenzialmente pericolose per la salute. Indossare sempre l'equipaggiamento completo di protezione antincendio. Raccogliere le acque di spegnimento che non devono essere scaricate nelle fognature. Smaltire l'acqua contaminata usata per l'estinzione ed il residuo dell'incendio secondo le norme vigenti. EQUIPAGGIAMENTO Indumenti normali per la lotta al fuoco, come un autorespiratore ad aria compressa a circuito aperto (EN 137), completo antifiamma (EN469), guanti antifiamma (EN 659) e stivali per Vigili del Fuoco (HO A29 oppure A30). SEZIONE 6. Misure in caso di rilascio accidentale. 6.1. Precauzioni personali, dispositivi di protezione e procedure in caso di emergenza. Bloccare la perdita se non c'è pericolo. Indossare adeguati dispositivi di protezione (compresi i dispositivi di protezione individuale di cui alla sezione 8 della scheda dati di sicurezza) onde prevenire contaminazioni della pelle, degli occhi e degli indumenti personali. Queste indicazioni sono valide sia per gli addetti alle lavorazioni che per gli interventi in emergenza. 6.2. Precauzioni ambientali. Impedire che il prodotto penetri nelle fognature, nelle acque superficiali, nelle falde freatiche. 6.3. Metodi e materiali per il contenimento e per la bonifica. Aspirare il prodotto fuoriuscito in recipiente idoneo. Valutare la compatibilità del recipiente da utilizzare con il prodotto, verificando la sezione 10. Assorbire il rimanente con materiale assorbente inerte. Provvedere ad una sufficiente areazione del luogo interessato dalla perdita. Verificare le eventuali incompatibilità per il materiale dei contenitori in sezione 7. Lo smaltimento del materiale contaminato deve essere effettuato conformemente alle disposizioni del punto 13. 6.4. Riferimento ad altre sezioni. Eventuali informazioni riguardanti la protezione individuale e lo smaltimento sono riportate alle sezioni 8 e 13ACRILSILANICA BASE NEUTRA 1.2 Stampata il 25/09/2015 Pagina n. 4/10 SEZIONE 7. Manipolazione e immagazzinamento. 7.1. Precauzioni per la manipolazione sicura. Manipolare il prodotto dopo aver consultato tutte le altre sezioni di questa scheda di sicurezza. Evitare la dispersione del prodotto nell'ambiente. Non mangiare, nè bere, nè fumare durante l'impiego. Togliere gli indumenti contaminati e i dispositivi di protezione prima di accedere alle zone in cui si mangia. 7.2. Condizioni per l`immagazzinamento sicuro, comprese eventuali incompatibilità. Conservare solo nel contenitore originale. Conservare i recipienti chiusi, in luogo ben ventilato, al riparo dai raggi solari diretti. Conservare i contenitori lontano da eventuali materiali incompatibili, verificando la sezione 10. 7.3. Usi finali particolari. Informazioni non disponibili. SEZIONE 8. Controllo dell`esposizione/protezione individuale. 8.1. Parametri di controllo. DCOIT - 4,5-dicloro-2-ottil-2H-isotiazol-3-one Concentrazione prevista di non effetto sull`ambiente - PNEC. Valore di riferimento in acqua dolce 0,034 mg/l Valore di riferimento in acqua marina 0,0068 mg/l Valore di riferimento per il compartimento terrestre 0,07 mg/kg Valore di riferimento per l`atmosfera 1,55 mg/m3 Legenda: VND = pericolo identificato ma nessun DNEL/PNEC disponibile ; NEA = nessuna esposizione prevista ; NPI = nessun pericolo identificato. 8.2. Controlli dell`esposizione. Considerato che l'utilizzo di misure tecniche adeguate dovrebbe sempre avere la priorità rispetto agli equipaggiamenti di protezione personali, assicurare una buona ventilazione nel luogo di lavoro tramite un'efficace aspirazione locale. PROTEZIONE DELLE MANI Proteggere le mani con guanti da lavoro di categoria III (rif. norma EN 374). Per la scelta definitiva del materiale dei guanti da lavoro si devono considerare: compatibilità, degradazione, tempo di rottura e permeazione. Nel caso di preparati la resistenza dei guanti da lavoro agli agenti chimici deve essere verificata prima dell'utilizzo in quanto non prevedibile. I guanti hanno un tempo di usura che dipende dalla durata e dalla modalità d`uso. PROTEZIONE DELLA PELLE Indossare abiti da lavoro con maniche lunghe e calzature di sicurezza per uso professionale di categoria I (rif. Direttiva 89/686/CEE e norma EN ISO 20344). Lavarsi con acqua e sapone dopo aver rimosso gli indumenti protettivi. PROTEZIONE DEGLI OCCHI Si consiglia di indossare occhiali protettivi ermetici (rif. norma EN 166). PROTEZIONE RESPIRATORIA In caso di superamento del valore di soglia (es. TLV-TWA) della sostanza o di una o più delle sostanze presenti nel prodotto, si consiglia di indossare una maschera con filtro di tipo B la cui classe (1, 2 o 3) dovrà essere scelta in relazione alla concentrazione limite di utilizzo. (rif. norma EN 14387). Nel caso fossero presenti gas o vapori di natura diversa e/o gas o vapori con particelle (aerosol, fumi, nebbie, ecc.) occorre prevedere filtri di tipo combinato. L`utilizzo di mezzi di protezione delle vie respiratorie è necessario in caso le misure tecniche adottate non siano sufficienti per limitare l`esposizione del lavoratore ai valori di soglia presi in considerazione. La protezione offerta dalle maschere è comunque limitata. Nel caso in cui la sostanza considerata sia inodore o la sua soglia olfattiva sia superiore al relativo TLV-TWA e in caso di emergenza, indossare un autorespiratore ad aria compressa a circuito aperto (rif. norma EN 137) oppure un respiratore a presa d'aria esterna (rif. norma EN 138). Per la corretta scelta del dispositivo di protezione delle vie respiratorie, fare riferimento alla norma EN 529. Covema Vernici S.p.a. Revisione n. 1 Data revisione 24/09/2015 ACRILSILANICA BASE NEUTRA 1.2 Stampata il 25/09/2015 Pagina n. 5/10 CONTROLLI DELL`ESPOSIZIONE AMBIENTALE. Le emissioni da processi produttivi, comprese quelle da apparecchiature di ventilazione dovrebbero essere controllate ai fini del rispetto della normativa di tutela ambientale. SEZIONE 9. Proprietà fisiche e chimiche. 9.1. Informazioni sulle proprietà fisiche e chimiche fondamentali. Stato Fisico liquido viscoso Colore Bianco e di cartella Odore caratteristico Soglia olfattiva. Non disponibile. pH. Non disponibile. Punto di fusione o di congelamento. Non disponibile. Punto di ebollizione iniziale. Non disponibile. Intervallo di ebollizione. Non disponibile. Punto di infiammabilità. > 93 °C. Tasso di evaporazione Non disponibile. Infiammabilità di solidi e gas Non disponibile. Limite inferiore infiammabilità. Non disponibile. Limite superiore infiammabilità. Non disponibile. Limite inferiore esplosività. Non disponibile. Limite superiore esplosività. Non disponibile. Tensione di vapore. Non disponibile. Densità Vapori Non disponibile. Densità relativa. 1,820 Kg/l Solubilità Non disponibile. Coefficiente di ripartizione: n-ottanolo/acqua: Non disponibile. Temperatura di autoaccensione. Non disponibile. Temperatura di decomposizione. Non disponibile. Viscosità Non disponibile. Proprietà esplosive Non disponibile. Proprietà ossidanti Non disponibile. 9.2. Altre informazioni. VOC (Direttiva 2004/42/CE) : 1,07 % - 10,50 g/litro. VOC (carbonio volatile) : Non disponibile. SEZIONE 10. Stabilità e reattività. 10.1. Reattività. Non vi sono particolari pericoli di reazione con altre sostanze nelle normali condizioni di impiego. 10.2. Stabilità chimica. Il prodotto è stabile nelle normali condizioni di impiego e di stoccaggio. 10.3. Possibilità di reazioni pericolose. In condizioni di uso e stoccaggio normali non sono prevedibili reazioni pericolose. 10.4. Condizioni da evitare. Nessuna in particolare. Attenersi tuttavia alla usuali cautele nei confronti dei prodotti chimici. 10.5. Materiali incompatibili. Informazioni non disponibili. Covema Vernici S.p.a. Revisione n. 1 Data revisione 24/09/2015 ACRILSILANICA BASE NEUTRA 1.2 Stampata il 25/09/2015 Pagina n. 6/10 10.6. Prodotti di decomposizione pericolosi. Informazioni non disponibili. SEZIONE 11. Informazioni tossicologiche. 11.1. Informazioni sugli effetti tossicologici. In mancanza di dati tossicologici sperimentali sul prodotto stesso, gli eventuali pericoli del prodotto per la salute sono stati valutati in base alle proprietà delle sostanze contenute, secondo i criteri previsti dalla normativa di riferimento per la classificazione.Considerare perciò la concentrazione delle singole sostanze pericolose eventualmente citate in sez. 3, per valutare gli effetti tossicologici derivanti dall`esposizione al prodotto. Il prodotto contiene sostanza/e sensibilizzante/i e pertanto può provocare una reazione allergica. OIT - 2-ottil-2H-isotiazol-3-one LD50 (Orale).> 550 mg/kg Ratto LD50 (Cutanea).> 690 mg/kg Coniglio Diuron (ISO) LD50 (Orale).> 1000 mg/kg Coniglio LD50 (Cutanea).> 1000 mg/kg ratto LC50 (Inalazione).7,1 mg/l/4h ratto DCOIT - 4,5-dicloro-2-ottil-2H-isotiazol-3-one LD50 (Orale).1636 mg/kg Ratto LD50 (Cutanea).2000 mg/kg Ratto LC50 (Inalazione).0,26 mg/l/4h Ratto Polimero a base di stirolo-acrilato LD50 (Orale).> 5000 MG/KG RATTO LD50 (Cutanea).> 2000 MG/KG RATTO SEZIONE 12. Informazioni ecologiche. Non essendo disponibili dati specifici sul preparato, utilizzare secondo le buone pratiche lavorative, evitando di disperdere il prodotto nell'ambiente. Evitare di disperdere il prodotto nel terreno o corsi d`acqua. Avvisare le autorità competenti se il prodotto ha raggiunto corsi d'acqua o se ha contaminato il suolo o la vegetazione. Adottare misure per ridurre al minimo gli effetti sulla falda acquifera. 12.1. Tossicità. OIT - 2-ottil-2H-isotiazol-3- one LC50 - Pesci. 0,14 mg/l/96h EC50 - Crostacei. 0,18 mg/l/48h NOEC Cronica Alghe / Piante Acquatiche. 0,014 mg/l Diuron (ISO) LC50 - Pesci. 1,1 mg/l/96h americamysis bahia EC50 - Crostacei. 5,7 mg/l/48h daphnia magna NOEC Cronica Pesci. 0,41 mg/l NOEC Cronica Crostacei. < 1 mg/l DCOIT - 4,5-dicloro-2-ottil2H-isotiazol-3-one Covema Vernici S.p.a. Revisione n. 1 Data revisione 24/09/2015 ACRILSILANICA BASE NEUTRA 1.2 Stampata il 25/09/2015 Pagina n. 7/10 EC50 - Alghe / Piante Acquatiche. > 0,47 mg/l/96h EC10 Alghe / Piante Acquatiche. 0,64 mg/l 3h NOEC Cronica Alghe / Piante Acquatiche. 0,34 mg/l Polimero a base di stiroloacrilato LC50 - Pesci. > 100 mg/l/96h ONCORHYNCHUS MYKISS EC50 - Crostacei. > 100 mg/l/48h DAPHNIA MAGNA 12.2. Persistenza e degradabilità. OIT - 2-ottil-2H-isotiazol-3- one Biodegradabilità: Dato non Disponibile. Polimero a base di stiroloacrilato NON Rapidamente Biodegradabile. 12.3. Potenziale di bioaccumulo. OIT - 2-ottil-2H-isotiazol-3- one Coefficiente di ripartizione: n-ottanolo/acqua. 5 BCF. 165 - Diuron (ISO) Coefficiente di ripartizione: n-ottanolo/acqua. 2,82 Log Kow 12.4. Mobilità nel suolo. Informazioni non disponibili. 12.5. Risultati della valutazione PBT e vPvB. In base ai dati disponibili, il prodotto non contiene sostanze PBT o vPvB in percentuale superiore a 0,1%. 12.6. Altri effetti avversi. Informazioni non disponibili. SEZIONE 13. Considerazioni sullo smaltimento. 13.1. Metodi di trattamento dei rifiuti. Riutilizzare, se possibile. I residui del prodotto tal quali sono da considerare rifiuti speciali non pericolosi. Lo smaltimento deve essere affidato ad una società autorizzata alla gestione dei rifiuti, nel rispetto della normativa nazionale ed eventualmente locale. IMBALLAGGI CONTAMINATI Gli imballaggi contaminati devono essere inviati a recupero o smaltimento nel rispetto delle norme nazionali sulla gestione dei rifiuti. Covema Vernici S.p.a. Revisione n. 1 Data revisione 24/09/2015 ACRILSILANICA BASE NEUTRA 1.2 Stampata il 25/09/2015 Pagina n. 8/10 SEZIONE 14. Informazioni sul trasporto. 14.1. Numero ONU. Non applicabile. 14.2. Nome di spedizione dell`ONU. Non applicabile. 14.3. Classi di pericolo connesso al trasporto. Non applicabile. 14.4. Gruppo d`imballaggio. Non applicabile. 14.5. Pericoli per l`ambiente. Non applicabile. 14.6. Precauzioni speciali per gli utilizzatori. Non applicabile. 14.7. Trasporto di rinfuse secondo l`allegato II di MARPOL 73/78 ed il codice IBC. Informazione non pertinente. SEZIONE 15. Informazioni sulla regolamentazione. 15.1. Norme e legislazione su salute, sicurezza e ambiente specifiche per la sostanza o la miscela. Categoria Seveso. Nessuna. Restrizioni relative al prodotto o alle sostanze contenute secondo l'Allegato XVII Regolamento (CE) 1907/2006. Nessuna. Sostanze in Candidate List (Art. 59 REACH). Nessuna. Sostanze soggette ad autorizzazione (Allegato XIV REACH). Nessuna. Sostanze soggette ad obbligo di notifica di esportazione Reg. (CE) 649/2012: Nessuna. Sostanze soggette alla Convenzione di Rotterdam: Nessuna. Covema Vernici S.p.a. Revisione n. 1 Data revisione 24/09/2015 ACRILSILANICA BASE NEUTRA 1.2 Stampata il 25/09/2015 Pagina n. 9/10 Sostanze soggette alla Convenzione di Stoccolma Nessuna. Controlli Sanitari. Informazioni non disponibili. VOC (Direttiva 2004/42/CE) : Pitture per pareti esterne di supporto minerale. VOC espressi in g/litro di prodotto pronto all'uso : Limite massimo : 40,00 (2010) VOC del prodotto : 10,00 Emissioni: TAB. B Classe 3 00,06 % ACQUA 17,39 % 15.2. Valutazione della sicurezza chimica. Non è stata elaborata una valutazione di sicurezza chimica per la miscela e le sostanze in essa contenute. SEZIONE 16. Altre informazioni. Testo delle indicazioni di pericolo (H) citate alle sezioni 2-3 della scheda: Carc. 2 Cancerogenicità, categoria 2 Acute Tox. 2 Tossicità acuta, categoria 2 Acute Tox. 3 Tossicità acuta, categoria 3 Acute Tox. 4 Tossicità acuta, categoria 4 STOT RE 2 Tossicità specifica per organi bersaglio - esposizione ripetuta, categoria 2 Skin Corr. 1B Corrosione cutanea, categoria 1B Skin Corr. 1C Corrosione cutanea, categoria 1C STOT SE 3 Tossicità specifica per organi bersaglio - esposizione singola, categoria 3 Skin Sens. 1 Sensibilizzazione cutanea, categoria 1 Skin Sens. 1A Sensibilizzazione cutanea, categoria 1A Aquatic Acute 1 Pericoloso per l`ambiente acquatico, tossicità acuta, categoria 1 Aquatic Chronic 1 Pericoloso per l`ambiente acquatico, tossicità cronica, categoria 1 H351 Sospettato di provocare il cancro. H330 Letale se inalato. H301 Tossico se ingerito. H311 Tossico per contatto con la pelle. H331 Tossico se inalato. H302 Nocivo se ingerito. H312 Nocivo per contatto con la pelle. H373 Può provocare danni agli organi in caso di esposizione prolungata o ripetuta. Covema Vernici S.p.a. Revisione n. 1 Data revisione 24/09/2015 ACRILSILANICA BASE NEUTRA 1.2 Stampata il 25/09/2015 Pagina n. 10/10 H314 Provoca gravi ustioni cutanee e gravi lesioni oculari. H335 Può irritare le vie respiratorie. H317 Può provocare una reazione allergica cutanea. H400 Molto tossico per gli organismi acquatici. H410 Molto tossico per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata. EUH210 Scheda dati di sicurezza disponibile su richiesta. LEGENDA: - ADR: Accordo europeo per il trasporto delle merci pericolose su strada - CAS NUMBER: Numero del Chemical Abstract Service - CE50: Concentrazione che dà effetto al 50% della popolazione soggetta a test - CE NUMBER: Numero identificativo in ESIS (archivio europeo delle sostanze esistenti) - CLP: Regolamento CE 1272/2008 - DNEL: Livello derivato senza effetto - EmS: Emergency Schedule - GHS: Sistema armonizzato globale per la classificazione e la etichettatura dei prodotti chimici - IATA DGR: Regolamento per il trasporto di merci pericolose della Associazione internazionale del trasporto aereo - IC50: Concentrazione di immobilizzazione del 50% della popolazione soggetta a test - IMDG: Codice marittimo internazionale per il trasporto delle merci pericolose - IMO: International Maritime Organization - INDEX NUMBER: Numero identificativo nell`Annesso VI del CLP - LC50: Concentrazione letale 50% - LD50: Dose letale 50% - OEL: Livello di esposizione occupazionale - PBT: Persistente, bioaccumulante e tossico secondo il REACH - PEC: Concentrazione ambientale prevedibile - PEL: Livello prevedibile di esposizione - PNEC: Concentrazione prevedibile priva di effetti - REACH: Regolamento CE 1907/2006 - RID: Regolamento per il trasporto internazionale di merci pericolose su treno - TLV: Valore limite di soglia - TLV CEILING: Concentrazione che non deve essere superata durante qualsiasi momento dell`esposizione lavorativa. - TWA STEL: Limite di esposizione a breve termine - TWA: Limite di esposizione medio pesato - VOC: Composto organico volatile - vPvB: Molto persistente e molto bioaccumulante secondo il REACH - WGK: Classe di pericolosità acquatica (Germania). BIBLIOGRAFIA GENERALE: 1. Regolamento (UE) 1907/2006 del Parlamento Europeo (REACH) 2. Regolamento (UE) 1272/2008 del Parlamento Europeo (CLP) 3. Regolamento (UE) 790/2009 del Parlamento Europeo (I Atp. CLP) 4. Regolamento (UE) 2015/830 del Parlamento Europeo 5. Regolamento (UE) 286/2011 del Parlamento Europeo (II Atp. CLP) 6. Regolamento (UE) 618/2012 del Parlamento Europeo (III Atp. CLP) 7. Regolamento (UE) 487/2013 del Parlamento Europeo (IV Atp. CLP) 8. Regolamento (UE) 944/2013 del Parlamento Europeo (V Atp. CLP) 9. Regolamento (UE) 605/2014 del Parlamento Europeo (VI Atp. CLP) - The Merck Index. - 10th Edition - Handling Chemical Safety - INRS - Fiche Toxicologique (toxicological sheet) - Patty - Industrial Hygiene and Toxicology - N.I. Sax - Dangerous properties of Industrial Materials-7, 1989 Edition - Sito Web Agenzia ECHA Nota per l`utilizzatore: Le informazioni contenute in questa scheda si basano sulle conoscenze disponibili presso di noi alla data dell`ultima versione. L`utilizzatore deve assicurarsi della idoneità e completezza delle informazioni in relazione allo specifico uso del prodotto. Non si deve interpretare tale documento come garanzia di alcuna proprietà specifica del prodotto. Poichè l'uso del prodotto non cade sotto il nostro diretto controllo, è obbligo dell'utilizzatore osservare sotto la propria responsabilità le leggi e le disposizioni vigenti in materia di igiene e sicurezza. Non si assumono responsabilità per usi impropri. Fornire adeguata formazione al personale addetto all`utilizzo di prodotti chimici. Modifiche rispetto alla revisione precedente. Sono state apportate variazioni alle seguenti sezioni: 01 / 02 / 03 / 08 / 09 / 11 / 12 / 15 / 16.
 share